BANCHE. Come attivare una procedura di sovraindebitamento

di Michela Bertani

Leggi anche le news del 17 marzo 2016 e del 22 aprile 2016

L’istanza di nomina di un Professionista con funzioni di OCC/Gestore della crisi

Dove si deposita: presso la Cancelleria della Volontaria Giurisdizione o Fallimentare del Tribunale ove si trova la residenza o la sede del soggetto sovraindebitato.

Il debitore presenta istanza al Presidente del Tribunale competente per la nomina di un Professionista abilitato che, sulla base di uno specifico piano, possa svolgere le funzioni attribuibili agli organismi di composizione della crisi e con l’ausilio del quale proporre ai creditori un accordo di ristrutturazione dei debiti e di soddisfazione dei crediti

Detta istanza, che può essere depositata anche senza l’assistenza di un difensore, deve contenere i dati anagrafici, di residenza e fiscali del richiedente nonché le dichiarazioni di quest’ultimo:

  1. di agire quale consumatore (oppure imprenditore non fallibile) e di versare in una situazione di sovraindebitamento, così come definita dall’art. 6, co. 2 della legge 27 gennaio 2012 n. 3, tale da determinare una rilevante difficoltà ad adempiere regolarmente alle proprie obbligazioni;
  2. di volere avvalersi di una delle procedure di composizione della crisi disciplinate nella sezione prima della citata legge (accordo da sovraindebitamento e piano del consumatore);
  3. di non essere assoggettabile, con riferimento ai parametri di cui all’art. 1 L.F., a procedure concorsuali diverse da quelle regolate dal Capo I di cui alla L. 3/2012 e di non aver fatto ricorso a procedimenti di composizione della crisi nei precedenti cinque anni;
  4. di impegnarsi a collaborare con l’organismo di composizione della crisi fornendo allo stesso ogni documentazione utile alla ricostruzione dell’effettiva situazione economica e patrimoniale

Spese: contributo unificato euro 98,00 e marca bollo euro 27,00 per diritti.

In alternativa

Il soggetto sovraindebitato può proporre presso un Organismo di composizione della Crisi iscritto nel Registro presso il Ministero della Giustizia (costituito ai sensi e per gli effetti del Regolamento pubblicato in G.U.n.21 del 27.01.2015) identica domanda con i contenuti anzi indicati. Il referente dell’OCC designerà quindi un professionista Gestore della Crisi il quale, nell’accettare l’incarico, dovrà sottoscrivere una dichiarazione di indipendenza.